La grande fusione e la grande implosione


Per chi lavora nelle ricerche di marketing il mercato statunitense è sempre stato ed è tuttora un punto di riferimento, una sorta di big lab dove le nuove tendenze e i nuovi strumenti nascono, si affermano, magari declinano rapidamente, per poi, forse un giorno, travalicare i confini US e arrivare in Europa. Alcuni trends diventano moda e poi vengono assorbiti dall’oblio, altri invece resistono e si affermano, alimentando nicchie specialistiche che negli USA trovano spazio vitale e mercato.

Cosa passa in Europa ? Se guardiamo indietro direi poco. A livello di strumenti siamo ancora ai primi vagiti delle ricerche mobile, dei collegamenti in streaming per interagire o semplicemente assistere alle discussioni di gruppo, della diffusione dei tool per la social media research. Tanto per intenderci in USA la capacità espansiva della social media research è data già in esaurimento…

Ecco quindi che se da un lato dell’oceano si discute su una imminente grand fusion, le tendenze nostrane indicano niente più che una grande implosione del settore della ricerca di marketing.

Oltreoceano sono cresciute si diceva diverse discipline nell’ambito della business intelligence, dando vita a settori di attività innovativi e agguerriti. Ognuno di essi ha dato o intende dare153208770 una scossa alla business intelligence, costituire un punto di rottura, allargare e/o caratterizzare il mercato verso nuove frontiere. Parliamo ad esempio della Big Data Analytics, della Predictive Analysis, della Data Visualization, dell’Enterprise Feedback Management, della Social Media Research. I principali players del mercato della marketing research devono avere a che fare necessariamente con queste specializzazioni, includerle nel proprio portafoglio per offrire una gamma di soluzioni completa. Ciò implica la necessità di investire in nuovi strumenti e tecnologie. Tuttavia, come rileva Michael Brereton della American Marketing Association (AMA) la velocità dell’innovazione, i capitali necessari per tenere il passo 292792eec3363196450f71e4b5af381dcon tali innovazioni e la qualità delle applicazioni tecnologiche richieste possono risultare insufficienti per competere con organizzazioni esterne al mondo tradizionale delle ricerche di marketing ma molto più strutturate.

Di conseguenza molti indizi porterebbero, secondo questa analisi, a una fusione tra la ricerca di marketing e le varie discipline del mondo variegato della business intelligence, ma in senso inverso a quanto da noi (tutti?) auspidatavisualicato. Cioè non un allargameWord Cloud Enterprise Feedback Managementnto del perimetro della marketing research, quanto piuttosto una sua cannibalizzazione da parte dei settori specialistici emergenti.

A casa nostra assistiamo invece a un depauperamento culturale continuo del settore, tradizionalmente inquinato da presenze ambigue, personaggi più vicini alla politica e al potere che alla ricerca, improvvisatori a vari livelli. Complice l’erosione continua della capacità di spesa della P.A., il taglio dei budget assegnati alla ricerca da parte delle grandi aziende private, una bassa tensione etica che pervade il Paese in modo trasversale e a tutti i livelli, fare ricerca di marketing di qualità è ormai un’utopia.

La forbice si allarga, dalla grand fusion alla grande implosione niente più che 10 ore di volo…roma-newyork

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: