In tempi di vacche magre ogni particolare è importante per il successo della propria attività commerciale. Oltre ai comuni fattori chiave, come popolarità dei prodotti, prezzi convenienti, servizio all’altezza, anche la scelta della location migliore è un elemento da tenere in grande considerazione. L’importanza di affacciare le proprie vetrine in strade di richiamo, possibilmente in posizione centrale, è ovvia, così come è altrettanto ovvio che affiancare la propria pizzeria a un’altra non sia una buona idea. Ma al di là dell’ovvio e dell’intuitivo, come essere sicuri che la scelta della posizione sia la più appropriata ?

Negli anni passati mi è capitato più volte di occuparmi di scelte di location, con il punto di vista dell’analista quantitativo. Con il tempo le tecniche sono state affinate, anche con un occhio alle proposte degli istituti di ricerca esteri, sempre all’avanguardia. Il nostro pacchetto di scelta della location in ambito cittadino mira all’analisi comparativa della potenzialità di zone e microzone, sulla base di:

  • domanda potenziale, in funzione della clientela target che il punto vendita è in grado di attrarre, sia per la particolare distribuzione della clientela target sul territorio che per la presenza di punti di aggregazione (p.e. centri commerciali particolarmente frequentati)
  • concorrenza, la cui presenza è da valutare con precisione, anche in termini di area di attrazione. In alcuni tipi di attività la contiguità con la concorrenza è addirittura consigliata (si pensi alle concessionarie automobilistiche) ma per motivi molto particolari legati alle dinamiche di vendita e alla forte riconoscibilità dei marchi. Molto più spesso la vicinanza è un fattore negativo, pertanto le nostre analisi sul territorio, svolte sia mediante consultazione di database che con sopralluoghi diretti, mirano all’individuazione delle zone con un livello di offerta più basso e quindi una concorrenza inferiore
  • attività complementari, fattore che si combina con quanto detto sulla domanda potenziale. E’ chiaro per esempio che se doveste aprire un negozio di articoli per animali la presenza nelle vicinanze di veterinari, pensionati per cani, aree dedicate ai cani e simili sono opportunità da cogliere
  • visibilità e accessibilità. Della visibilità abbiamo parlato nella prima parte dell’articolo. Operativamente una misura di visibilità per tratti di via si basa in genere su rilevazioni dei flussi pedonali (o automobilistici se del caso, dipende dalla natura dell’attività commerciale in oggetto). L’accessibilità attiene invece alla presenza e disponibilità di posti auto, di fermate del sistema di trasporto pubblico, dell’accessibilità pedonale nelle immediate vicinanze del p.v.

Tutto molto ovvio si dirà, ma è meno ovvio il metodo con il quale queste informazioni vengono combinate, elaborate e infine utilizzate per la scelta della location, o meglio per stilare una graduatoria di microzone ideali. E’ in questo che offriamo il nostro valore aggiunto di specialisti nell’analisi dati e nel supporto alle decisioni.

IMG_7757